Roma
Le novità sull'espropriazione presso terzi

Martedì 09/04/2019



La disciplina dell’espropriazione presso terzi verrà affrontata alla luce delle più recenti novità legislative e giurisprudenziali anche attraverso l’analisi di fattispecie particolari per tradurre nella pratica le regole sostanziali e processuali del recupero del credito e conoscere gli ulteriori strumenti stragiudiziali per rafforzare la tutela delle pretese creditorie nei confronti del debitore.
Si offriranno soluzioni alle problematiche e criticità inerenti al pignoramento, alle modalità telematiche dei beni da pignorare, alla forma del pignoramento di crediti del debitore verso terzi, alla dichiarazione del terzo e all’accertamento dell’obbligo del terzo.
Di particolare attualità le questioni afferenti il pignoramento del conto corrente e delle partecipazioni sociali nonché l’esecuzione nei confronti degli enti locali.

PROGRAMMA


RICERCA CON MODALITÀ TELEMATICA DEI CREDITI DA PIGNORARE (ART. 492 BIS C.P.C., AGGIUNTO DALL’ART. 19, COMMA PRIMO, LETT. D, DEL D.L. N. 132/14)
• legittimazione attiva del creditore e poteri di controllo e di autorizzazione del Presidente del Tribunale
• l’accesso alle banche dati 
• il pignoramento compiuto dall’ufficiale giudiziario
• la facoltà di scelta del creditore
• l’istanza di assegnazione e la fissazione della relativa udienza
• gli incentivi per la ricerca dei crediti con modalità telematiche e la graduazione nel provvedimento di assegnazione

CONTENUTO E NOTIFICA DELL’ATTO DI PIGNORAMENTO (ART. 543 COD. PROC. CIV., COME MODIFICATO DALLA LEGGE N. 228/2012 E DAL D.L. N. 132/14)
• requisiti dell’atto di pignoramento riguardanti il creditore procedente (in particolare, l’indicazione della PEC), il credito per cui si procede ed il credito oggetto di pignoramento (anche ai fini della non contestazione)
• citazione del debitore, invito al terzo e avvertimento sugli effetti della non contestazione
• obblighi di custodia del terzo
• modalità di notifica ed adempimenti successivi

COMPETENZA (ART. 26-BIS COD. PROC. CIV., INTRODOTTO D.L. N. 132/14) 
DICHIARAZIONE DEL TERZO (ART. 547 E 548 COD. PROC. CIV., COME MODIFICATI DALLA LEGGE N. 228/2012 E DAL D.L. N. 132/14)
• Forme e termini della dichiarazione del terzo 
• Natura ed effetti della dichiarazione del terzo (anche in ordine al momento di perfezionamento del pignoramento e quanto alla possibilità di modificare la stessa in udienza)
• Dichiarazione positiva e provvedimento di assegnazione
• Omessa dichiarazione: procedimento per la produzione dell’effetto della non contestazione
• Regime dell’ordinanza di assegnazione emessa in conseguenza della non contestazione
• Valenza endo-procedimentale della non contestazione e rimedi esperibili da parte del terzo pignorato
• Dichiarazione contestata

ACCERTAMENTO DELL’OBBLIGO DEL TERZO (ART. 549 COD. PROC. CIV., COME MODIFICATO DALLA LEGGE N. 228/2012 E DAL D.L. 83 DEL 2015) 
• modalità introduttive
• poteri istruttori del giudice dell’esecuzione
• operatività dell’istituto in ipotesi di mancata dichiarazione del terzo in conseguenza di un pignoramento generico
• l’accertamento incidentale dell’obbligo del terzo nell’ipotesi di crediti litigiosi
• impugnazione ex art. 617 c.p.c. dell’ordinanza di accertamento incidentale dell’obbligo del terzo

PIGNORAMENTO DEL CONTO CORRENTE
• struttura del contratto di conto corrente (cenni)
• forma e modalità di invio della dichiarazione
• momento processuale sino a quando permane l’onere di custodia e l’obbligo di accantonamento degli accrediti successivi
• l’incidenza sull’obbligo dell’accantonamento di un provvedimento di sospensione della procedura esecutiva
• gli oneri di informazione a carico del terzo pignorato

IL CONTENUTO DELLA DICHIARAZIONE

PIGNORAMENTO DEI TRATTAMENTI STIPENDIALI E PENSIONISTICI

PIGNORAMENTO DELLE PARTECIPAZIONI SOCIALI

PIGNORAMENTO ESATTORIALE DEI CREDITI DEL CONTRIBUENTE VERSO I TERZI (ART. 72-BIS D.P.R. 602/1973)

ESECUZIONE NEI CONFRONTI DELLE PUBBLICHE AMMINISTRAZIONI

PIGNORAMENTO NEI CONFRONTI DEGLI ENTI LOCALI

PIGNORAMENTO IN DANNO DELLE AZIENDE SANITARIE LOCALI

L’ESECUZIONE DELLE CONDANNE DELLO STATO PER EQUA RIPARAZIONE DA IRRAGIONEVOLE DURATA DEL PROCESSO
• La disciplina dettata dall’art. 5 quinquies legge n. 89 del 2001 (come modificata dalla l. n. 35 del 2013