Milano
Il ricorso per cassazione nel processo penale. Come redigere un atto ineccepibile nella forma e nel merito

Giovedì 24/10/2019



Hotel Brunelleschi - Aula 2
Milano - Via Flavio Baracchini 12


Il ricorso per cassazione nel ramo penale ha raggiunto, ormai da anni, un livello di “criticità” tale da aver assecondato un proliferare di riforme, linee giurisprudenziali e prassi applicative, tutte orientate a “filtrare” la maggior parte delle impugnazioni, secondo criteri particolarmente rigorosi, anche se non sempre informati ad armonia di sistema ed omogeneità di risultati.
Scopo del corso è quello di fornire le principali coordinate teoriche e pratiche per poter impostare una impugnazione ineccepibile quanto a presupposti di ammissibilità e persuasiva nel merito, specie in considerazione della ontologica diversità delle tipologie di ricorsi che possono interessare il ramo penale: diversità che, ovviamente, si riverberano sulla forma e sulla struttura del ricorso e che presentano “trabocchetti” e insidie che vanno attentamente scandagliati, anche attraverso un puntuale esame dei più significativi contributi giurisprudenziali. L’occhio alla pratica quotidiana dovrà dunque muoversi secondo uno sguardo “ondulatorio” che tenga conto delle nuove prospettive, anche teoriche, e delle naturali “vischiosità” che derivano da una certa prassi delle varie sezioni penali della Corte di cassazione in ragione delle diverse materie che trattano.

PROGRAMMA


I requisiti delle impugnazioni in genere e del ricorso per cassazione in particolare
- Gli ambigui confini tra legittimità e merito in campo penale e i paradossi della
cosiddetta sezione “filtro”

I motivi di ricorso
- La specificità, la scansione logica e la correlazione dei singoli petita
- I motivi in rito e l’importanza della prova del “fatto processuale”

La individuazione dei vizi denunciabili: in particolare, la violazione di legge ed il vizio
di motivazione nelle sue varie manifestazioni
- Il travisamento del fatto ed il travisamento della prova

I ricorsi in tema di misure cautelari personali – anche alla luce delle varie novelle – e
quelli relativi alle misure reali
- I sequestri, il fumus – con le singole peculiarità normative – e la denunciabilità del
solo vizio di violazione di legge
- Tra ricorrenti dubbi di costituzionalità e le possibili interferenze della CEDU
- La tutela dei terzi interessati

I ricorsi “atipici”
- Le novità in tema di archiviazione
- L’abnormità
- Gli incidenti di esecuzione
- Sorveglianza e misure di prevenzione

Il ricorso straordinario e la rescissione del giudicato
- Il ricorso in sede di revisione e le particolarità del ricorso avverso la decisione
adottata dal giudice del rinvio