WEBINAR
La nuova disciplina del sovraindebitamento alla luce della novella contenuta nella L. n. 176/2020

Lunedì 10/05/2021



In sede di conversione del d.l. n. 137/2020 (c.d. Decreto Ristori) la L. n. 176/2020 ha introdotto un’ambiziosa riforma della disciplina del sovraindebitamento, contenuta nella nota legge n. 3 del 2021 e successive modifiche.
Il dichiarato scopo del Legislatore è stato quello di semplificare l’accesso alle procedure di composizione della crisi da sovraindebitamento, anche in relazione alle gravi ripercussioni economiche che l’emergenza sanitaria sta provocando e ancor più, molto probabilmente, provocherà nei prossimi mesi.
La riforma anticipa molte delle soluzioni contenute nel Codice della crisi di impresa, ma le innesta sul corpus di una legge dalla vigenza orami decennale e che, tuttavia, non ha finora conosciuto tutte quelle possibilità applicative che in astratto potevano attendersi.
Siamo di fronte ad una semplice anticipazione del nuovo Codice della crisi, quindi, o ad una disciplina originale destinata a trovare immediata applicazione nell’ampio settore dei soggetti non fallibili, consumatori, situazioni di indebitamento familiare?
Il webinar si propone di offrire una illustrazione completa delle novità apportate dalla recentissima legge di riforma e dei principali snodi interpretativi, al fine di consentire agli operatori di questo settore – avvocati, commercialisti e coloro che comunque già svolgono o intendono svolgere i compiti di gestori della crisi – l’immediato utilizzo delle nuove possibilità offerte dalla Legge 18 dicembre 2020, n. 176, entrata in vigore il 25 dicembre 2020.
A tutti i partecipanti verrà data la possibilità di interagire direttamente con il relatore ponendo quesiti in diretta.
Sono previste alcune pause durante il webinar.

PROGRAMMA


Il webinar verterà sui seguenti argomenti:
◼ La disciplina transitoria e l’ambito di applicazione delle nuove norme
◼ La nuova meritevolezza del consumatore ai fini dell’accesso alle diverse procedure
◼ La cessione del quinto ed i rapporti con le procedure esecutive
◼ Le nuove possibilità di difesa della casa di abitazione principale ipotecata e dei beni strumentali gravati da diritti reali di garanzia; i rapporti con la falcidia dei crediti privilegiati
◼ L’esdebitazione del debitore incapiente
◼ L’indebitamento familiare
◼ I nuovi compiti del liquidatore: la riconosciuta legittimazione all’esercizio dell’azione revocatoria ordinaria
◼ Il cram down rispetto al voto dell’amministrazione finanziaria nell’accordo di composizione della crisi
◼ Altre novità: profili procedimentali e compiti dell’Organismo di composizione della crisi
◼ Segue: compensi e prededuzioni