Milano
Gli interventi delle Sezioni Unite sul processo civile nel 2012-2018. Cosa è cambiato, cosa cambierà

Giovedì 04/04/2019



Hotel Brunelleschi - Aula 1
Milano - Via Flavio Baracchini 12


Il diritto processuale è sempre stato una materia “tecnica”, e banco di prova della competenza strettamente giuridica dell’avvocato.
Negli ultimi anni, però, il tecnicismo del processo di primo grado, di quello di impugnazione e del giudizio di legittimità è andato costantemente aumentando a causa delle numerose riforme con le quali il legislatore è ripetutamente ed incisivamente intervenuto.
L’intrecciarsi di novità normative ed evoluzione giurisprudenziale ha reso particolarmente complicato il compito del professionista che si accinga a predisporre l’atto introduttivo del giudizio o dell’impugnazione, per la semplice ragione che da un lato si sono introdotte regole nuove in merito al contenuto degli atti, e dall’altro sono aumentate le cause (e quindi i rischi) di inammissibilità.
Il corso si propone di esaminare i problemi appena accennati con un duplice scopo: da un lato illustrare organicamente ed ordinatamente le novità normative e l’evoluzione giurisprudenziale, anche in relazione alle questioni pendenti; dall’altro segnalare le insidie • ma anche le opportunità • scaturenti dalle nuove regole sul giudizio di primo grado, sul giudizio di impugnazione e sul giudizio di legittimità, e soprattutto proporre con schemi semplici e comprensibili un “ABC” della tecnica di redazione dell’atto di citazione, dell’atto d’appello e del ricorso per cassazione.

PROGRAMMA


SUL GIUDIZIO DI PRIMO GRADO:
• La composizione dei contrasti sul rilievo della nullità della citazione (SU 8077/12)
• Difetto di rappresentanza e sanatoria (SU 4248/16, SU 4909/16 e SU 3702/17)
• Distinzione tra nullità ed inesistenza della notificazione (SU 14916/16 e SU 18992/17)
• Notificazione a mezzo di ufficiale giudiziario non competente (SU 17533/18)
• La composizione dei contrasti sulla mutatio libelli (SU 12310/15) • La composizione dei contrasti sulla chiamata in garanzia: inscindibilità delle cause, litisconsorzio in appello, ammissibilità dell’impugnazione incidentale tardiva (SU 7700/16 e SU 24707/15)
• La rilevabilità ex officio delle eccezioni (SU 10531/13 e SU 26242/14)
• Titolarità del rapporto controverso e onere della prova (SU 2951/16)
• Domande non riproposte all’udienza di precisazione delle conclusioni (SU 1785/18)

SULLE IMPUGNAZIONI:
• L’impugnabilità “autonoma” dell’ordinanza ex art. 348 ter c.p.c. (SU 1914/16)
• L’ultrattività del mandato nel caso di morte del cliente non dichiarata in giudizio (SU 15295/14)
• La composizione dei contrasti sulla specificità dei motivi d’appello (SU 27199/17)
• Erroneo inquadramento del vizio denunciato in cassazione e inammissibilità del ricorso (17931/13)
• L’interpretazione del nuovo art. 360, n. 5, c.p.c. (SU 8053/14)
• Giudizio di cassazione e processo telematico (SU 10266/18)