Milano
La responsabilità sanitaria dopo la legge Gelli
Bianco. Prime pronunce, questioni aperte e nodi ancora irrisolti

Lunedì 01/04/2019



Hotel Brunelleschi - Aula 1
Milano - Via Flavio Baracchini 12


A circa due anni dalla emanazione della legge Gelli Bianco, sussistono ancora aspetti controversi sia per le incertezze nella interpretazione della normativa, sia per il ritardo del legislatore nell’emanare i decreti delegati, in particolare quelli relativi alle linee guida e all’assicurazione obbligatoria, e ciò non consente di dare piena attuazione alle principali modifiche normative.
Il ciclo di incontri esamina le questioni cruciali in tema di responsabilità sanitaria, fornendo al professionista gli strumenti per orientarsi nella scelta tra accertamento tecnico preventivo e mediazione – con le ricadute pratiche che ne derivano – per padroneggiare le tecniche di redazione del ricorso, della citazione e dell’atto di appello alla luce degli ultimi orientamenti giurisprudenziali in materia di responsabilità sanitaria, con particolare focus sulle questioni processuali più rilevanti in sede civile e in caso di costituzione di parte civile.
Sempre sotto il profilo processuale ci si soffermerà sull’azione diretta del soggetto danneggiato nei confronti della compagnia di assicurazione della struttura e del medico, allo stato non ancora operativa per la mancata emanazione dei decreti delegati, oltre che sulla consulenza tecnica di ufficio e di parte, il cui ruolo è sempre più rilevante e decisivo nelle cause di responsabilità medica.

PROGRAMMA


I INCONTRO LUNEDÌ 1 APRILE 2019 – ORE 14.00 – 18.00 

Esame degli aspetti rilevanti e controversi della legge Gelli Bianco e ricadute processuali
• Principali questioni processuali in tema di responsabilità medica
• Il nesso causale nella responsabilità medica
- nozione di causalità
- causalità penale e causalità civile a confronto
- cause ignote
- danno iatrogeno
- onere della prova

II INCONTRO MARTEDÌ 2 APRILE 2019 – ORE 9.00 – 13.00 / 14.00 – 18.00

Mattino
La responsabilità del medico
• Natura extracontrattuale della responsabilità medica: un vantaggio per il medico?
• Residue fattispecie di responsabilità contrattuale del medico per violazione di assunzione di obbligazione contrattuale
• Criteri di imputazione della responsabilità
• Ripartizione dell’onere della prova
• Vicinanza alla prova: applicabile anche alla responsabilità aquiliana?
• Contatto sociale: tramonto del principio?
• Interventi di facile e difficile esecuzione
• Diagnosi differenziale
• Diritto a non soffrire del paziente e correlativa responsabilità medica
• Responsabilità per malformazione del feto e nascita indesiderata
• Responsabilità del medico di base, della guardia medica, dell’odontoiatra
• Responsabilità dello psichiatra, dell’oncologo, dell’infermiere
• Vaccinazioni obbligatorie e facoltative
• Medicinali off label

Pomeriggio
• Scelta tra accertamento tecnico preventivo e mediazione: ricadute positive e negative della relativa scelta
• Tecnica di redazione dell’atto introduttivo e della comparsa di risposta e relative preclusioni processuali: 
- la difficile convivenza tra azione contrattuale nei confronti della struttura e extracontrattuale nei confronti del medico
• Come evitare la nullità della citazione per omessa specificazione del petitum e della causa petendi
• Come evitare la nullità della citazione per genericità della domanda
• come incide il principio della vicinanza della prova sul relativo onere?
• Si applica anche in caso di responsabilità extracontrattuale?
• Chiamata di terzo: quando è opportuna?
• Domanda di rivalsa nel giudizio di responsabilità intentato dal danneggiato nei confronti di più medici
• Medico corresponsabile: rivalsa, regresso, surrogazione dell’assicuratore 
• Rivalsa da parte della struttura: inammissibilità? 
• Modifica delle conclusioni: limiti
• Mancata riproposizione di domande in sede di precisazione delle conclusioni
• Transazione totale (dell’intero danno) tra medico e danneggiato: riflessi nei confronti della struttura sanitaria 
• Transazione parziale del danno conseguente all’operato del solo medico 
• domande nuove del medico e/o della struttura terzi intervenienti
• Errore medico diverso da quello prospettato nell'atto di citazione 
• Morte del cliente senza dichiarazione del difensore 
• Concorso tra responsabilità del conducente investitore e dei sanitari esecutori delle cure
• Prova testimoniale del danno non patrimoniale: modalità di deduzione
• Criteri di formulazioni della domanda relativa al danno patrimoniale e non patrimoniale da responsabilità medica, relative allegazioni e prove con particolare riferimento alle relative voci di danno (biologico, morale, esistenziale, da cenestesi lavorativa e danno da morte)
• Appello

III INCONTRO LUNEDÌ 15 APRILE 2019 – ORE 14.00 – 18.00 

Responsabilità della struttura sanitaria pubblica e privata
• Cartella clinica: 
- tempistica di acquisizione
- danno evidenziale per mancata o irregolare tenuta della cartella clinica
- annotazione dei dati nella cartella clinica
- atto pubblico e rilievi penalistici
• Contratto di "spedalità ": contenuto e limiti
• Responsabilità contrattuale della struttura
• Responsabilità da contatto
• Responsabilità ex art. 1218 c.c.
• Responsabilità ex art. 1228 c.c.
• Responsabilità del primario, dell’equipe medica
• Responsabilità del personale paramedico
• Responsabilità contrattuale del chirurgo libero-professionista che opera in clinica privata
• Responsabilità per inidonea organizzazione della struttura e per omessa vigilanza
• Successione nella posizione di garanzia 
• Responsabilità della struttura privata e del poliambulatorio
• Responsabilità delle case per anziani
• Responsabilità della struttura sanitaria per difetto di organizzazione e per fatto del personale sanitario
• Responsabilità della Regione per emergenza sanitaria (es: 118) ed eventi catastrofali sia di origine naturale (terremoti, inondazioni) sia umana (attentati, disastri ferroviari, etc.)
• Rivalsa e surrogazione della struttura sanitaria pubblica e privata 
• Infezioni nosocomiali 
• Emotrasfusioni
• Vaccinazioni
• Obbligo di assicurazione

IV INCONTRO MARTEDÌ 16 APRILE 2019 – ORE 9.00 – 13.00 / 14.00 – 18.00 

Mattino
La CTU medico legale in ambito sanitario, il consulente di parte e compiti dell’avvocato 
• CTU percipiente e CTU deducente
• Sindacabilità della scelta del giudice di disporre o meno CTU
• Comportamenti da evitare
• Cosa chiedere al CTU
• Compiti del CTU
• Compiti del CT di parte
• Differenze tra la CTU in sede civile e la consulenza in sede penale
• Divieto di acquisizione da parte del CTU d’ufficio di documenti non prodotti dalle parti
• Obblighi di motivazione del giudice con riferimento alla CTU
• Limiti all’obbligo di motivazione del giudice con riferimento alle argomentazioni dei CT di parte
• Ruolo del CTU nella valutazione del danno non patrimoniale;

Pomeriggio
Consenso informato
• Natura giuridica del consenso alla luce della l. Gelli-Bianco: contrattuale o extracontrattuale?
• Onere della prova
• Contenuto e forma dell’informazione
• Soggetti legittimati a prestare il consenso
• Diritto all’autodeterminazione del paziente
• Requisiti di validità del consenso
• Rilevanza del consenso del paziente
• Danni risarcibili da mancata informazione

PROVA PRATICA 
REDAZIONE DI UN ATTO CON RIFERIMENTO AD UN CASO SPECIFICO CON DISCUSSIONE IN AULA DEGLI ELABORATI