Benevento
Custodia e delega nell'espropriazione immobiliare

Venerdì 14/06/2019



UNA Hotel il Molino
Benevento - via dei Molini, 48


L’attività dei custodi e delegati nell’espropriazione immobiliare è intrisa di problematiche, specie di carattere pratico, ed è destinata a confrontarsi con continue riforme spesso anticipate dalle “buone prassi” degli uffici giudiziari.
Il corso analizza con taglio operativo la fase dell’espropriazione forzata immobiliare con particolare riguardo al pignoramento, al deposito della documentazione ipo-catastale, alla stima del bene pignorato e alla conversione del pignoramento, anche alla luce della recente L. n. 12/2019 di conversione con modifiche del D.L. 135/2018 recanti novità in materia di esecuzione forzata.
Verrà, altresì, affrontato il tema della custodia dell’immobile pignorato tenendo conto della nuova formulazione, ad opera della L. 12/2019, che ha determinato, oltre che una “rivoluzione copernicana” sul momento nel quale può essere emesso l’ordine di liberazione, anche delicate problematiche interpretative, considerato che il legislatore è rimasto silente su diverse questioni in precedenza regolamentate dalla stessa disposizione.
Oggetto di trattazione saranno anche le delicate fasi della vendita e dell’assegnazione forzata nonché le peculiarità del decreto di trasferimento con disamina degli adempimenti pratici, in primis sul piano fiscale, demandati al delegato alle vendite.

PROGRAMMA


LA PRIMA FASE DELL’ESPROPRIAZIONE IMMOBILIARE
IL PIGNORAMENTO, IL DEPOSITO DELLA DOCUMENTAZIONE IPO-CATASTALE LA CUSTODIA DELL’IMMOBILE PIGNORATO
 Contenuto dell’atto di pignoramento
 Deposito dell’atto da parte del creditore e perdita di efficacia del pignoramento (art. 18 co. 1, lett. c), d.l. n. 132/2014)
 Modalità di perfezionamento: notifica e trascrizione
 Deposito della documentazione ipo-catastale
 Stima del bene pignorato
 Conversione del pignoramento (alla luce delle modifiche all’art. 495 c.p.c. di cui alla l. n. 12 del 2019)
 Riduzione del pignoramento
CUSTODIA DELL’IMMOBILE PIGNORATO
 Ruolo, poteri e doveri del custode giudiziario
 Rapporti con il giudice dell’esecuzione, con le parti del processo esecutivo (creditori procedenti ed intervenuti, debitore esecutato), con gli altri ausiliari del giudice (esperto stimatore, professionista delegato), con i terzi (eventuali comproprietari, terzi occupanti o detentori del bene pignorato, aggiudicatari etc.)
 Attività di amministrazione del bene pignorato
 Ordine di liberazione: i presupposti per l’emanazione, l’”esecuzione”, il regime e gli strumenti di tutela dei terzi detentori nell’art. 560 c.p.c., come modificato dalla l. n. 12 del 2019
 Legittimazione processuale
 La visita dell’immobile e le altre attività finalizzate alla vendita dello stesso
 I beni mobili estranei all’esecuzione-attuazione dell’ordine di liberazione
 Criteri per la determinazione del compenso del custode
VENDITA E ASSEGNAZIONE FORZATA
Adempimenti pubblicitari
 portale delle vendite telematiche
 facoltatività della pubblicità a mezzo stampa
 altre forme di pubblicità
 conseguenze dell’omessa pubblicità sul portale delle vendite telematiche
Vendita forzata
 natura ed effetti
 contenuto dell’ordinanza di vendita
 la delega delle operazioni di vendita a Notai e ad altri professionisti
 l’espletamento della vendita forzata secondo modalità telematiche
 vendita senza incanto: modalità (telematica) di presentazione delle offerte; contenuto della domanda di partecipazione; scelta per l’offerente del regime fiscale più conveniente; gara e criteri di aggiudicazione; riduzione del prezzo nei successivi esperimenti di vendita
 vendita con incanto (in particolare, le modifiche agli artt. 569 e 572 c.p.c. apportate dall’art. 19 del d.l. n.132/14)
 le contestazioni avverso le decisioni dei delegati e l’intervento del Giudice
 vendita con pagamento rateale del prezzo
Aggiudicazione
 Presupposti
 Effetti dell’aggiudicazione provvisoria
 Pagamento del prezzo: contratto di finanziamento, accollo del mutuo, fideiussione per le imprese (d.l. 83/2015)
 Questioni peculiari: i benefici “prima casa” per l’aggiudicatario; l’acquisto del bene da parte di una società
 Decadenza dall’aggiudicazione
 Estinzione della procedura prima dell’aggiudicazione definitiva: l’art. 187-bis disp. att. c.p.c.
Assegnazione forzata
 Profili generali dell’istituto
 Presentazione dell’istanza da parte del creditore
 Criteri per l’assegnazione del bene al creditore
 Determinazione del prezzo
 Regime fiscale
Assegnazione per persona da nominare (art. 590-bis c.p.c.)
 Ratio dell’istituto
 Presupposti
 Dichiarazione di nomina
 Electio amici
 Regime fiscale
DECRETO DI TRASFERIMENTO
 Effetti
 Contenuto (l’individuazione dei soggetti; gli estremi catastali; le cancellazioni; l’ingiunzione)
 L’esecuzione fondata sul decreto di trasferimento
 Regime: revoca e modifica da parte del g.e., opposizione agli atti esecutivi, opposizione in sede di rilascio
 Esame della casistica (es. aliud pro alio)
 Registrazione e trascrizione: gli adempimenti a carico del delegato